|⇨ Menù Natalizio 2014

Dopo avervi stuzzicato ieri con la nostra proposta per la cena della vigilia di natale, oggi proseguiamo a tentarvi con le nostre proposte per quello che sarà il Menù Natalizio 2014 che domani andrete a fare.


Sicuramente avrete già pensato cosa fare e stare anche già lavorando ai vari piatti che andrete a servire domani, ma per chi ancora non avesse definito il menù abbiamo delle ottime idee che sapranno accontentare i gusti di tutti.

Nel menù natalizio non possono mancare assolutamente le capesante gratinate al forno: insaporite da una granella di pistacchi di Bronte sono l’antipasto veloce e a base di pesce perfetto! Scopriamo cosa serve e cosa fare per realizzare alla perfezione le Capesante gratinate al forno con pistacchi di Bronte.

Capesante gratinate al forno con pistacchi di BronteCapesante gratinate al forno con pistacchi di Bronte

Ingredienti:

– 8 capesante
– 100 gr di pan grattato
– 100 gr di pistacchi sgusciati
– 2 spicchio di aglio
– 70 gr di formaggio grattugiato
– 50 gr di burro
– sale e pepe
– 2 lime
– un mazzetto di erba cipollina

Procedimento:

Lavate le capesante pulendo bene il guscio e apritele. Tritate quindi finemente l’aglio e l’erba cipollina e sbriciolate grossolanamente i pistacchi. In una ciotola versate quindi il pan grattato e unitevi l’aglio, i pistacchi, l’erba cipollina e aggiungete tre cucchiai di olio di oliva: aggiungete infine un pizzico di pepe e la buccia grattugiata dei lime. Ricordatevi che le capesante sono leggermente salate, fate quindi attenzione nel non salare troppo il composto del gratin. Amalgamate bene gli ingredienti tra loro e con un cucchiaio adagiatelo sulle capesante, coprendo interamente la polpa. Mettete una noce di burro sulla punta di ciascuna conchiglia e infornate a 180 gradi per 15 minuti.

Come avvenuto per il menù della vigilia, anche per il menù natalizio 2014 vi proponiamo un antipasto alternativo che possa essere mangiato tranquillamente anche da chi non vuole o non può mangiare carne e pesce. L’antipasto che stiamo per proporvi i Crostini alle mandorle.

Crostini alle mandorleCrostini alle mandorle

Ingredienti per 4 persone:

– 50 g di mandorle tostate
– 4 fette di pane tostato
– 1 mazzetto di prezzemolo
– 1 cucchiaio di capperi sotto sale
– 1/2 spicchio di aglio
– 5 cucchiai di olio di oliva
– 4 mandorle intere per la decorazione
– Sale

Procedimento:

Macinate molto finemente le mandorle, mettetele in una ciotola e aggiungete il trito di prezzemolo, aglio e capperi precedentemente sciacquati. Condite con un pizzico di sale e l’olio, amalgamate con cura. Spalmate il composto sui crostini di pane e decorate con una mandorla intera.

Le Linguine agli scampi sono uno dei primi piatti più raffinati che possiate preparare e sono sicuramente un primo d’effetto per il menù natalizio 2014, ma non finisce qui, infatti, sono anche incredibilmente facili da realizzare. Scopriamo cosa serve e cosa fare per poterli realizzare.

Linguine agli scampiLinguine agli scampi

Ingredienti:

– 16 scampi
– 2 zucchine
– pepe rosa
– 2 spicchi di aglio
– 1 mazetto di mentuccia
– 1 mazzetto di prezzemolo
– 70 gr di mandorle
– 1 bicchiere di vino bianco

Procedimento:

Pulite gli scampi, lasciandone intatti almeno quattro. Agli latri togliete la tesata e il carapace e metteteli in una pentola ampia con un filo di olio: fateli saltare per alcuni minuti a fiamma alta. Tagliate le zucchine a metà e fatene delle sottili verticali sottilissime. In una padella ampia mettete un filo di olio, l’aglio pulito e fatevi saltare le zucchine. Per aiutare la cottura, sfumate con un bicchiere di vino bianco e aggiungete quindi le erbe aromatiche finemente tritate. Spegnete il fuoco quando le zucchine saranno pronte. A piacere potete anche aggiungere qualche pomodorino pachino da fare saltare insieme alle zucchine. Intanto fate cuocere anche gli scampi interi mettendoli semplicemente in una teglia anti aderente con un filo di olio. A parte tritate grossolanamente le mandorle. Quando la corazza avrà cambiato colore, i vostri scampi saranno cotti. Scolate la pasta e tenete da parte un bicchiere di acqua di cottura. Fate saltare le linguine nel sugo aromatico di zucchine, aggiungete gli scampi cotti a parte: allungate con l’acqua di cottura e fate cuocere per pochi minuti. Servite con uno scampo intero sul piatto e un cucchiaino di mandorle.

Gli Gnocchi porri e Gorgonzola sono una variante della classica ricetta degli gnocchi al Gorgonzola, più colorata e leggera e dal forte impatto coreografico. Infatti in questa ricetta per preparare la salsa la salsa per condire gli gnocchi si usano anche delle verdure, non solo i porri ma anche dei pomodori e una cipolla, e quindi pur essendo molto saporita risulta meno pesante alla digestione ed al gusto. Si tratta di un ottimo primo piatto adatto a tutte quelle persone che non possono o non vogliono mangiare carne o pesce ma, non per questo, voglio rinunciare alla gioia del pranzo natalizio. Scopriamo cosa serve e cosa fare per poterlo realizzare.

Gnocchi porri e GorgonzolaGnocchi porri e Gorgonzola

Ingredienti:

– 800 g. di gnocchi di patate
– 4 porri
– 2 pomodori maturi (o equivalente quantità di pelati)
– 1 cipolla
– 3 spicchi di aglio
– Gorgonzola dolce o piccante in quantità a piacere
– panna da cucina q.b.
– olio d’oliva extra vergine q.b.
– sale e pepe q.b.
– qualche foglia di basilico fresco (opzionale)

Procedimento:

Pulite e sbollentate i porri in abbondante acqua bollente. Tritate la cipolla e gli spicchi di aglio e fate rosolare brevemente il tutto con un po’ di olio. Tritate grossolanamente i porri e rosolate anche loro assieme al resto. Quando il tutto è giustamente rosolato unitevi i pomodori private della pelle e dei semi e fatti a pezzetti, e cuoceteli un pochino. Nel frattempo cuocete gli gnocchi in abbondante acqua salata. Completate la salsa con un po’ di panna e con dei pezzetti di Gorgonzola, facendo sciogliere il tutto a fuoco dolce. Aggiustate di sale e pepe. Distribuite gli gnocchi cotti in quattro piatti, conditeli con la sala porri Gorgonzola e completate con qualche foglia di basilico spezzettata.

Se la vigilia è tradizione che si mangi del pesce, è altrettanto vero che il menù natalizio preveda la carne tra le sue portate e chi siamo noi per infrangere questa tradizione? Per il menù natalizio 2014 vogliamo proporvi la ricetta del Brasato al barolo, scopriamo cosa serve e cosa fare.

Brasato al baroloBrasato al barolo

Ingredienti:

– 1 kg di carne bovina (il pezzo ideale è il cappello di prete: fate attenzione che abbia qualche venatura di grasso)
– 2 carote
– 2 gambi di sedano
– 1 cipolla
– 2 spicchi di aglio
– rosmarino e alloro
– chiodi di garofano
– 50 gr di burro
– bottiglia di vino Barolo

Procedimento:

Uno dei passaggi più importanti per una buona riuscita della ricetta è la marinatura: in una pirofila molto ampia mettete il pezzo di carne con il rosmarino, l’alloro e chiodi di garofano, copritelo con il vino e lasciate la carne marinare per almeno 10 ore. Tagliate quindi carote, sedano e cipolle molto finemente per creare il trito del soffritto: in una padella molto ampia fate quindi soffriggere in un cucchiaio di olio e il burro le verdure tritate con gli spicchi di aglio. Quando avranno raggiunto la doratura, aggiungete il pezzo di carne che avrete scolato dal vino rosso. Fate rosolare per bene ogni parte del pezzo di carne: versate quindi il vino in cui avete messo a macerare la carne, chiudete la pentola con un coperchio e fate cuocere a fuoco molto lento per almeno 2-3 ore. Aggiustate quindi di sale e pepe e servite tagliando il pezzo di carne a fettine spesse circa un centimetro accompagnate da abbondante sugo di cottura.

Per chi non può o non vuole mangiare carne o pesce, proponiamo una ricetta accattivante che, di sicuro, non farà sentire la mancanza della carne. Stiamo parlando del Polpettone di fagioli. Scopriamo cosa serve e cosa fare per poterlo realizzare.

Polpettone di fagioliniPolpettone di fagiolini

Ingredienti per 6 persone:

– 300 gr fagiolini (cornetti)
– 4 patate grosse a pasta bianca
– 1 uovo
– pangrattato
– pecorino
– sale
– noce moscata
– latte

Procedimento:

Spuntare e lessare i fagiolini. Schiacciare le patate cotte a vapore. Unire, se necessario, qualche goccia di latte, sale e noce moscata. Spezzettare grossolanamente i fagiolini e unirli all’impasto insieme al pecorino, l’uovo e pangrattato necessario per compattare. Imburrare uno stampo da plum-cake e versarvi l’impasto. Passare in forno per 20-30 minuti.

Siamo così giunti a conclusione pasto e quindi ai dolci. Vogliamo essere si tradizionali e sapendo bene che panettoni e pandori non mancheranno di certo nelle vostre case (e quindi nelle vostre tavole), vogliamo proporvi due dessert alternativi ma altrettanto validi. Il primo lo carpiamo dalla tradizione culinaria anglosassone ed infatti stiamo per proporvi un intrigante Christmas pudding inglese. Scopriamo cosa serve e cosa fare per poterlo realizzare alla perfezione.

Christmas pudding ingleseChristmas pudding inglese

Ingredienti:

– 200 gr. margarina;
– 350 gr. uvetta secca di Corinto;
– 200 gr. uva sultanina;
– 200 gr. uva passa;
– 50 gr di canditi misti;
– 25 gr. di mandorle tritate;
– 175 gr. farina;
– 2 cucchiaini di spezie miste in polvere (chiodi di garofano, cannella, zenzero);
– 1 cucchiaino di noce moscata in polvere;
– 175 g di briciole di pane fresco (pane al latte, senza crosta);
– 700 g di zucchero di canna;
– 2 uova;
– la buccia ed il succo di un limone;
– 1 cucchiaio di melassa;
– 4 cucchiai di latte;
– 2 cucchiai di brandy;
– 1 stampo da budino dalla capacità di 1 litro;
– carta oleata;
– agrifoglio per decorare;
– 1 cucchiaio di brandy per flambare.

Procedimento:

Imburrate lo stampo da budino con abbondante burro e a parte anche un foglio doppio di carta oleata che vi servirà poi da coperchio per il pudding. In una ciotola grande mescolate tutti gli ingredienti con un cucchiaio di legno per circa 5 minuti fino a ottenere un composto omogeneo e riempite con questo la forma imburrata. Pareggiate la superficie che deve rimanere al di sotto del bordo per circa 2,5 cm e coprite con il doppio foglio di carta oleata (la parte imburrata rivolta verso l’interno) ben ripiegato tutt’intorno al bordo e legato con dello spago da cucina. Mettete il pudding in una pentola e aggiungete dell’acqua calda in modo che ricopra la forma per 1/3. Coprite col coperchio e fate cuocere a fuoco basso per circa 6 ore non dimenticando di aggiungere sempre l’acqua calda che mano a mano evapora. Trascorso questo tempo, togliete il pudding dall’acqua e fate raffreddare. Sostituite poi il coperchio di carta oleata con un altro che legherete come il precedente. Conservate il pudding in un luogo fresco e arieggiato. La mattina di Natale riscaldate il pudding per circa 2 o 3 ore con lo stesso metodo che avete usato per la prima cottura, ricordandovi di sostituire di tanto in tanto l’acqua che evapora. Quando è ben caldo, rovesciatelo sul piatto di portata, decorate con l’agrifoglio, versate sulla cima un cucchiaio di brandy riscaldato in un pentolino e flambate (infiammate) a tavola. Servite accompagnato dal burro al Brandy.

Il secondo ed ultimo dolce che stiamo per proporvi è, ancora una volta, una proposta pensata per tutte quelle persone vegane e vegetariane che non possono o non vogliono mangiare certi alimenti. Si tratta di un Soufflé al Rum e Cioccolato. Scopriamo cosa serve e cosa fare per poterlo realizzare.

Souffle_al_Rum_e_CioccolatoSoufflé al Rum e Cioccolato

Ingredienti per 6 persone:

– 150 g cioccolato fondente
– due cucchiai cioccolato amaro
– 4 uova
– zucchero
– mezzo bicchierino di rum
– burro
– 50 g farina
– mezzo litro di latte

Procedimento:

Fate bollire metà del latte con 150 g di zucchero. Stemperate la farina e il cacao con il latte rimasto, poi versate lentamente, sempre rimescolando, il latte caldo. Cuocete il composto a fuoco basso per 10 minuti. Fate fondere il cioccolato fondente con una noce di burro e il rum, incorporatelo al primo composto. Quando è tiepido unite i tuorli d’uovo uno alla volta, infine gli albumi montati a neve. Imburrate abbondantemente uno stampo da soufflé, riempitelo per tre terzi con la miscela preparata, infornate in forno preriscaldato a 200° per 15-20 minuti. Servite immediatamente.