Spiedini di sarde

La sarda (Achondrostoma salmantinum) è un pesce d’acqua dolce appartenente alla famiglia Cyprinidae. La sua distribuzione comprende i fiumi Huebra, Turones e Uces nel bacino idrografico del Duero in Spagna.

Vive in tratti fluviali con fondi di sabbia, moderata corrente ed abbondanza di vegetazione acquatica. Si distingue dalle altre specie del Genere Achondrostoma per caratteri genetici e per il numero di scaglie sulla linea laterale e di raggi nelle pinne.

Non supera i 7 cm di lunghezza. Chondrostoma olisiponensis (Gante, Santos & Alves, 2007) è una specie affine endemica del basso corso del Tago, in Portogallo. La sua biologia è ignota.

Oggi vedremo come realizzare degli ottimi spiedini di sarde, un secondo piatto estremamente semplice da realizzare ma anche altrettanto buono.

Ingredienti per 4 persone:

– 600 G Sarde Fresche
– 12 Pomodorini Pachino
– 1 Zucchina
– 100 G Pane Baguette
– 1 Limone
– 4 Cucchiai Olio D’oliva Extra-vergine
– 1 Pizzico Sale

Procedimento:

Pulite la zucchina e cuocetela 5 minuti in acqua bollente salata. Tagliatela a rondelle dello spessore di circa 1 centimetro. Pulite e sfilettate le sarde, lavatele e asciugatele. Tagliate il pane a fette alte circa 2 centimetri. Lavate e asciugate i pomodorini. Alternate su 4 spiedini gli ingredienti preparati (i filetti vanno arrotolati prima di infilarli sullo spiedo), disponeteli sulla leccarda rivestita con carta forno. Bagnate gli spiedini con un intingolo preparato emulsionando il succo di limone con l’olio e un pizzico di sale. Cuocete una decina di minuti a 200 gradi, girando gli spiedini di tanto in tanto e bagnandoli col condimento. Per ‘colorarli’ completate con qualche minuto di grill.