|⇨ Parmigiana di verdure

Parmigiana di verdure

Proseguiamo il nostro consueto appuntamento con la nostra rubrica settimanale dedicata alla cucina vegetariana/vegana proponendovi la ricetta della nostra deliziosa Parmigiana di verdure.


La nostra Parmigiana di verdure è un delicato secondo piatto che qui viene proposto secondo la filosofia della cucina vegetariana/vegana. Questo primo piatto vi incuriosirà prima per i suoi accostamenti, per poi conquistarvi con i suoi profumi e sapori unici ed indescrivibili, profumi e sapori tipici della cucina mediterranea. Scopriamo cosa serve e cosa fare per poter realizzare la squisita Parmigiana di verdure.

Ingredienti per 6 persone:

– 2 patate medie
– 2 carote
– olive nere denocciolate
– 2 grosse fette di zucca
– 1 cipolla rossa
– pangrattato
– lievito alimentare in scaglie
– prezzemolo
– olio

Procedimento:

Affettate sottilmente le patate, tagliate carote e olive a rondelle, la zucca e la cipolla a fettine. Preriscaldate il forno a 180°. Nel frattempo, in una terrina mescolate pangrattato, lievito, olio e sale, fino ad ottenere un composto ben unto, ma denso. Versate un filo d’olio su una pirofila e quindi iniziate a comporre la parmigiana: uno strato per ogni verdura, intervallato dal composto. Cospargetelo anche sull’ultimo strato. Cuocete per un’ora o fin quando con una forchetta non vi assicurerete che anche lo strato più basso è ben cotto. Potreste aggiungere un filo d’acqua per velocizzare la cottura. Per avere un effetto croccante potete accendere il grill gli ultimi cinque minuti. Servitela tagliata a fette come fosse una parmigiana.

Nota Bene:

Questa parmigiana si presta a tutte le varianti possibili e immaginabili: dalle verdure utilizzate, al numero di strati. Ovviamente, più alta è, più dovrà cuocere. Personalmente ripeto uno strato di patate e uno di zucca verso la fine. La cipolla rossa dà un sapore deciso che esalta piacevolmente le restanti verdure, abbondate o diminuitela secondo i vostri gusti. Potreste anche tenere le verdure a riposo per mezz’ora dopo averle cosparse di sale (escluse le olive). In questo caso, evitate il sale nel composto di pangrattato.