Lattume di tonno fritto

Il lattume è un prodotto ittico tipico siciliano e sardo impiegato nella cucina locale; si ottiene dalla lavorazione della sacca del liquido seminale del tonno maschio.

Tipico della Sicilia, in particolare delle zone di Trapani, Palermo e Siracusa, è l’equivalente maschile della bottarga, generalmente di tonno o di ricciola. La differenza è sia nel gusto che nel colore, rosa carneo nel lattume e arancione nella bottarga.

La Sardegna lo ha inserito nel proprio elenco di prodotti agroalimentari tradizionali con il nome di figatello.

È un piatto molto prelibato e di alta gastronomia e può essere impiegato per paste, insalate o consumato fritto. Nella cucina trapanese si usa anche sotto sale.

Ingredienti:

– lattume di tonno,
– 200 g farina,
– 1 limone,
– olio q.b.,
– sale q.b.

Procedimento:

Spellate bene il lattume e tagliatelo a fettine non molto spesse, infarinatele e friggetele in olio bollente salato; spruzzate il succo di un limone sulle fettine dopo averle disposte in un piatto.