|⇨ Grigliata di spada, gamberi e calamari

La grigliata, a seconda del metodo di cottura, può essere:

– Per irraggiamento, o indiretta, dove la cottura è effettuata principalmente ad opera della radiazione infrarossa (calore) emessa dal combustibile, più indirettamente attraverso il fumo e l’aria calda.


Il carbone viene disposto ai lati, o comunque a una certa distanza dalla grata, e molti considerano questo metodo una tecnica specifica dell’affumicatura, mentre negli stati del sud e nel Midwest degli Stati Uniti questo viene considerato il barbecue vero e proprio. Questa tecnica risulta essere lenta, anche 12 ore, e utilizza delle temperature di cottura medio-basse, di circa 100 – 120 °C (infatti è detta “Low & Slow”) o dai 120 – 160 °C (cottura indiretta) o > 180 ° (Grilling o cottura diretta). Per favorire l’affumicatura, si impiegano anche dei trucioli umidi di legno di particolari essenze, che vengono fatti bruciare sulle braci roventi per farne sprigionare l’aroma.

– Per contatto, o diretta, dove si utilizzano delle piastre di vario tipo (ad esempio, le tipiche lose in pietra) o griglie arroventate riscaldate elettricamente o dal carbone/legna. Il cibo da cuocere viene disteso sopra tali elementi. La tecnica risulta essere veloce e utilizza delle temperature di cottura elevate

In altre nazioni, come in Australia e molte parti dell’Europa, per barbecue s’intendono carni sia fritte che grigliate. L’attrezzo utilizzato per cuocere non ha un coperchio.

Ingredienti per 4 persone:

– 2 Fette Pesce Spada (450 G)
– 4 Gamberoni (250 G)
– 4 Calamari
– Dragoncello
– 4 Cucchiai Olio D’oliva
– 1/2 Cucchiaio Aceto Balsamico
– Limone
– Sale
– Pepe

Procedimento:

Staccate i ciuffi dei calamari e togliete loro occhi, becco e pinna interna; sciacquateli. Dividete in due ogni fetta di pesce spada, ricavandone 4 porzioni uguali. Scaldate la griglia per cuocere i vari elementi della grigliata. Cominciate con i gamberoni (circa 3 minuti per lato) e con i ciuffetti. Cuocete i calamari, rigirandoli, per circa 8 minuti. Ungete leggermente con l’olio il pesce spada e cuocetelo da ambo i lati per circa 10 minuti. Preparate una salsina emulsionando insieme 4 cucchiai d’olio con mezzo di aceto e abbondante dragoncello tritato. Salate, pepate, guarnite con limone, quindi portate in tavola con la salsina.
Fate attenzione a rispettare i tempi perché il pesce, troppo cotto, si asciuga e può anche diventare stopposo.