Gnocchi del pastore

Come si può immaginare dal nome si tratta di una ricetta tipica del mondo rurale che si contraddistingue per la semplicità e genuinità degli ingredienti e dei relativi accostamenti. Il risultato finale è decisamente descrivibile come un gusto corposo a cui si consiglia un altrettanto corposo vino rosso che accompagna degnamente il piatto.

Ingredienti per 6 persone:

– 1 kg e 200 gr di patate a pasta bianca;
– 150 gr di farina bianca ”00”;
– un uovo;
– sale.

Per il ripieno:

– 100 gr di spinaci
– 100 gr di polpa di manzo
– 100 gr di lombo di maiale senza grasso
– 3 cucchiai di formaggio grattugiato
– Grana padano o Parmigiano reggiano
– 200 gr di ricotta di capra
– 30 gr di burro
– rosmarino,
– salvia,
– uno spicchio d’aglio,
– sale,
– olio extra-vergine d’oliva q.b.

Procedimento:

Macinare insieme le due carni magre e fare un battuto con rosmarino  salvia e lo spicchio d’aglio. Porre il battuto in un tegame con un po’ d’olio e, quando comincia a rosolare, porci le carni; fuoco dolce, 5 minuti saranno sufficienti. Amalgamare la carne con la ricotta, con gli spinaci scottati e tritati fini e il pane grattugiato, lavorando per qualche minuto col la spatola; quando il composto sarà omogeneo, prendere una cucchiaiata d’impasto, lavorarlo fra i palmi delle mani per fare tante palline. Far bollire dopo averle lavate, le patata; una volta cotte sbucciarle e passarle al setaccio, salare, unire la farina e l’uovo e impastare bene e poi, prendendo dei pezzetti di circa 100 grammi, spianarli col mattarello, fino a ottenere una sfoglia di un paio di millimetri. Con ciascuna sfoglia avvolgere una pallina d’impasto, ottenendo uno gnocco rotondeggiante e di grosse dimensioni. Porre a bollire l’acqua, almeno 7 litri: deporre gli gnocchi nell’acqua appena salata e bollente, a fuoco allegro, e quando tornano a galla sono pronti. Depositarli nei piatti, caldi, spaccarli a metà e versarci sopra un po’ di burro caldo e grattugiarci un po’ di formaggio. Da mangiare caldi.