Funghi champignon trifolati con il Bimby

Il menù anti-cancro si arricchisce di una nuova pietanza. I funghi champignon, piuttosto presenti sulle tavole degli italiani, sarebbero in grado di stimolare il sistema immunitario: una proprietà da sfruttare sia in funzione antitumorale, sia nel trattamento dei pazienti sieropositivi. Ad affermarlo è l’Associazione nazionale medici fitoterapeuti (Anmfit), che in questi giorni ha affidato al Centro di medicina naturale (Cmn) dell’ospedale di Empoli un vasto progetto di ricerca su una serie di funghi occidentali, tra cui appunto gli champignon.

“Le indicazioni chimico-farmaceutiche e tossicologiche che la letteratura scientifica ci offre su questi funghi – spiega in una nota Fabio Firenzuoli, direttore del Cmn e presidente di Amnfit – sono del tutto positive. Adesso stiamo preparando un protocollo di ricerca clinica da sottoporre all’Istituto tumori toscano per valutare proprio l’efficacia degli champignon su malati oncologici”. Secondo il presidente dell’Amnfit, la ricerca ha infatti dimostrato che l’attività immunostimolante del fungo “potrebbe essere sfruttata sia nel malato oncologico che nel paziente sieropositivo all’Hiv, anche se – sottolineano – non sostituisce i normali farmaci di sintesi”.

L’iniziativa è figlia di un’indagine su un particolare fungo commestibile, che la rivista inglese ‘Evidence-based complementary and alternative medicine’ ha commissionato al gruppo empolese. Per vederci chiaro la rivista ha dunque chiesto all’equipe di Empoli una revisione scientifica della letteratura medica sull’efficacia dell’Agaricus blatzei come coadiuvante nel trattamento delle malattie tumorali.

Il fungo in questione, l’Agaricus blatzei, è una specie di prataiolo, molto usato nella cucina orientale. Originario del Brasile, dove vanta miracolose proprietà curative, è stato ‘scoperto’ negli anni Sessanta da un ricercatore giapponese, Takatoshi Furumoto, quindi trapiantato in Giappone a fini di studio. Oggi se ne producono circa 200 tonnellate all’anno e in medicina è utilizzato soprattutto come tisana da molti malati di cancro.

Tanti buoni motivi per integrare nella nostra alimentazione questi preziosi alleati che ci ha donato madre natura, proprio per questo, oggi vi mostriamo come realizzare un ottimo contorno a base di funghi champignon da poter abbinare sia a secondi a base di carne che a quelli a base di pesce.

Ingredienti per 4 persone:

– 500 G Funghi Champignon
– 40 G Olio D’oliva
– 1 Spicchio Aglio
– Prezzemolo Tritato
– Sale
– Pepe

Procedimento:

Inserisci nel boccale l’aglio e l’olio: 3 minuti a temperatura 100 velocità 3. Posiziona la farfalla sulle lame, aggiungi i funghi tagliati a fettine e cuoci per 10 minuti a temperatura 100 velocità 1. Aggiungi il sale e il pepe e cuoci per altri 5 minuti a temperatura 100 velocità 1, tenendo il misurino inclinato. A fine cottura cospargili con il prezzemolo. Se il sugo risultasse troppo liquido, addensalo sempre a temperatura Varoma per il tempo che ritieni necessario.