Finferli gratinati

I finferli si prestano a numerosissime ricette: il fungo va consumato freschissimo e deve essere sempre cucinato, a differenza di altri funghi mangiati anche crudi. La classica preparazione del finferlo è chiaramente la cottura in padella, previa accurata pulitura, lavaggio ed asciugatura: in questo modo, cotto insieme ad olio extravergine d’oliva, prezzemolo, pepe, sale e – a chi piace – aglio, il finferlo si presta a preparare paste e contorni gustosissimi. Ma il finferlo può essere preparato anche sott’olio o sottoaceto. In commercio, i finferli si trovano anche essiccati.

Ingredienti per 4 persone:

– 600 g di finferli
– una cipolla piccola
– uno spicchio d’aglio
– 4 cucchiai d’olio
– un bicchierino di Marsala
– 2 cucchiai di farina
– 2 dl di latte
– noce moscata
– 2 cucchiai di Parmigiano Reggiano
– sale q.b.
– pepe q.b.

Preparazione:

Fate rosolare in padella i finferli con l’olio, l’aglio e la cipolla tritati: salateli, pepateli, e fateli stufare per 15 minuti su fuoco basso, poi trasferiteli in una teglia. Diluite il fondo di cottura dei funghi con il Marsala, stemperatevi la farina, poi aggiungete il latte, mescolate bene e lavorate il miscuglio con un cucchiaio su fuoco basso per 5 minuti finché avrete ottenuto una besciamella omogenea: profumatela con una grattata di noce moscata, regolatela di sale e distribuitela sui funghi. Spolverizzate di Grana e cuocete in forno già caldo a 180° per 20 minuti circa.