Struffoli

Gli struffoli sono dei tipici dolci natalizi della cucina napoletana. Il dolce è composto da numerosissime palline di pasta (realizzata con farina, uova, strutto, zucchero, un pizzico di sale e liquore all’anice) di non più di 5 mm di diametro, fritte nell’olio o nello strutto e (dopo averle lasciate a raffreddare) avvolte in miele caldo e disposte in un piatto da portata dando loro, in genere, una forma a ciambella; si decora, infine, la composizione con pezzetti di cedro ed altra frutta candita, pezzetti di zucchero e confettini colorati (chiamati diavolilli, diavoletti oppure “minulicchi”). Una variante può identificarsi negli struffoli al forno, e cioè che le palline di pasta siano cotte al forno anziché fritte, sono più leggeri e altrettanto gustosi. Nonostante la loro tipicità, sembra che gli struffoli non siano stati inventati a Napoli ma che siano stati portati dai greci già ai tempi della Magna Grecia. Peraltro, nella cucina greca esiste ancora una preparazione simile, i loukoumades (ghiottonerie). Anche l’uso come dolce tipico natalizio sembra essere relativamente recente, in quanto il ricettario del Crisci (1634) ne fa cenno ma non specificamente in relazione al pranzo di Natale.

Ingredienti:

– Farina 700 gr
– Zucchero 100 gr
– Miele 400 gr
– Burro 150 gr
– 4 Uova
– Vaniglia 20 gr
– Lievito 25 gr
– Brandy
– Olio (per friggere)

Procedimento

Disporre la farina sul piano di lavoro e aggiungere lo zucchero, le uova, il burro (ammorbidito precedentemente), la vaniglia e il lievito. A questo punto impastare bene ed energicamente fino ad ottenere un panetto di pasta omogeneo che andrà lasciato riposare per 4 ore. Passate le 4 ore cominciate a lavorare la pasta, ottenendo delle piccole palline da friggere in olio bollente. A cottura ultimata lasciate raffreddare. Far scaldare il miele assieme ad un bicchierino di Brandy e ad un bicchierino d’ acqua, portandolo ad ebollizione. A quel punto aggiungere gli struffoli e girare di continuo. Quando son pronti toglierli e adagiateli su un vassoio decorandoli a piacere (con frutta candita, confetti ecc…). Aggiungendo un pizzico di bicarbonato all’impasto degli struffoli, e lasciandolo poi riposare per un paio d’ore, otterrete delle palline più gonfie.