|⇨ Salsicciotti al tacchino e spinaci

Gli spinaci sono una pianta erbacea con interessanti proprietà terapeutiche, il nome scientifico della pianta è Spinacia oleracea ed appartiene alla famiglia delle Chenopodiaceae. Può raggiungere l’altezza di 70 cm circa, con grosse foglie verde scuro.


Le origini delle spinaci non sono chiare; alcuni pensano che provengano dal Nepal, dove pare siano stati coltivati per la prima volta, altri sostengono che abbiano avuto origine in Persia, l’attuale Iran. Di certo, già nel cinquecento, a Firenze le suore benedettine coltivavano gli spinaci nei loro orti.

Le varietà più comuni di spinaci sono rappresentate da il “Gigante d’inverno” il “Re dell’estate”, il “Merlo nero” e il “Matador”.

Il periodo di raccolta delle spinaci va da novembre fino a marzo.

L’associazione di idee Braccio di Ferro e spinaci è una delle operazioni di marketing meglio riuscite: la creazione di tale personaggio fu infatti commissionata da produttori americani di spinaci in scatola al fine di incrementarne i consumi, soprattutto tra i bambini. Braccio di ferro ebbe poi un tale successo che la produzione di cartoon continuò indipendentemente dal discorso pubblicitario.

È bene fare attenzione alla freschezza degli spinaci; quando sono un po’ vecchi contengono i nitriti, che hanno effetti nocivi sulla nostra salute. Per questo all’acquisto è bene verificarne il colore che deve essere di un bel verde uniforme, senza parti giallognole e con gambi duri e forti.

Ingredienti per 4 persone:

– 500 G Polpa Di Maiale Magra
– 400 G Carne Di Tacchino
– 100 G Spinaci Freschi
– Sale
– Pepe
– 1/2 Spicchio Aglio Tritato
– 1 Pizzico Cannella
– 1 Grattatina Noce Moscata
– 1 Spruzzata Vino Bianco

Procedimento:

Passare la carne di maiale e di tacchino al tritacarne e tritare gli spinaci unendoli all’impasto, aggiungendo quindi sale e pepe, noce moscata, cannella, una spruzzata di vino ed un odore di aglio. Insaccarli in budelli ricavandone salsicciotti che si potranno cuocere in acqua calda o alla griglia.