Ravioloni di magro

Dopo la ricetta dei ravioloni neri si pesce in salsa ai peperoni inviataci dalla nostra amica Elisabetta e che abbiamo pubblicato ieri, c’è venuta voglia di proporvi una nostra ricetta di ravioloni. Una ricetta alternativa per un tipo di pasta che sarà sempre nel cuore degli italiani.

Ingredienti per la farcia (per 10-12 ravioloni):

Per la farcia:

– 250 gr di coste*;
– 100 gr di tofu;
– 2 cucchiai d’olio d’oliva;
– 1 cucchiaino di timo;
– sale;
– pepe;
– mandorle tritate.

Per la pasta:

– 100 gr di farina di farro;
– 100 gr di farina tipo 2;
– 25 ml di vino bianco;
– acqua q.b.;
– sale.

Per il condimento:

– pomodorini;
– olio d’oliva;
– mandorle tritate.

Procedimento:

Mondare le coste e farle cuocere in acqua calda, una volta cotte scolatele ben bene. Unire all’olio il timo e usare il condimento per ungere una padella, scaldare l’olio e unire il tofu sbriciolato, fare saltare per qualche minuto e poi aggiungere le coste ben asciutte. Riversate il tutto nel bric del frullatore ad immersione, frullare tutto, aggiungete un po’ di sale, pepe e una spolverata di mandorle tritate finemente e amalgamate. Il ripieno deve essere piuttosto asciutto e non acquoso. A questo punto passate alla preparazione della pasta: setacciate le due farine, formate il classico cratere in mezzo, versatevi il vino e l’acqua (aggiungetene poca alla volta incorporando la farina piano piano) e un po’ di sale. Amalgamate e impastate bene finché non otterrete una pasta omogenea, elastica e non appiccicosa. E ora è il momento del mattarello! Dividete la pasta in due, cospargete il vostro piano di lavoro con un po’ di farina e stendete la pasta in modo che sia molto sottile. Cercate di formare un rettangolo molto lungo e alto una decina di cm. A metà circa del rettangolo posizionate delle palline del vostro ripieno distanziate l’una dall’altra un 3-4 cm (dipende da quanto volete siano grandi i vostri ravioli) prendete la parte alta della vostra pasta e richiudetela a saccottino fino a pareggiare il bordo più in basso. Con le dita picchiettate la pasta sopra e intorno al ripieno in modo da far uscire l’aria e far aderire bene i due strati e poi ritagliate con una rondellina o un coltello. Fate la stessa cosa per la seconda porzione di pasta (a me ne è avanzata un po’ e ho fato delle tagliatelle per oggi!). Mettete un pentola con abbondante acqua a bollire e nel mentre fate saltare i pomodorini con un po’ d’olio. Quando l’acqua bolle, salatela e immergete per 3 minuti i vostri ravioloni, trasferiteli su un piatto di portata, conditeli con i pomodorini, un filo d’olio crudo e una manciata di mandorle tritate fini fini… ed ecco il vostro piattone di ravioli.

Nota Bene:

Con Coste si intendono le Bietole (dette anche bietole da coste) una varietà di barbabietola (Beta vulgaris), pianta appartenente alla famiglia delle Chenopodiaceae (Amaranthaceae secondo la classificazione APG).