I palummeddi

I palummeddiCon colomba pasquale si indicano diversi dolci pasquali tipici dell’Italia. Vi sono due principali dolci cui fa riferimento la dizione “colomba pasquale”: uno è la colomba pasquale inventata in Lombardia negli anni trenta del 1900 dalla Motta e poi diventata quella commercialmente più diffusa in tutta Italia, l’altro di più antica tradizione è la colomba pasquale diffusa in Sicilia e chiamata anche i palummeddi o pastifuorti. Entrambe sono state ufficialmente inserite nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T) del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Mipaaf) e riconosciute come tipiche dei rispettivi territori (Lombardia e Sicilia). Prodotti tipici e rappresentativi che vi proporremo e vi faremo scoprire.

Ingredienti:

1 Kg di farina,
latte quanto basta,
300 grammi di zucchero,
un quarto di sugna,
una bustina di lievito per dolci,
una bustina di vaniglia
un cucchiaio di ammoniaca.

Procedimento:

Con questa pasta bella omogenea ed addensata, si preparano panareddi, pupi, bambuli o altre figure a piacere, a secondo dell’abilità e l’estro artistico di ognuno, mettendoci sempre in mezzo un’ovo sano, già bollito e sodo, che viene rivestito e decorato con la stessa pasta.

Un attimo prima della cottura completa, si ci spalma di sopra con una penna di gallina o con un pennello soffice, il bianco dell’uovo sbattuto con lo zucchero, si decorano con la diavolina che gli dà un aspetto allegro ed augurale e si mettono un’altra volta in forno per qualche minuto.

Cottura: 30 min a 250° (forno a legna)