Astice alla Catalana

L’astice è un crostaceo appartenente alla famiglia dei Nefropidi. È il più grosso crostaceo presente nel mar Mediterraneo; gli esemplari più grandi arrivano a misurare circa 65 cm di lunghezza per 6 kg di peso. In Italia, a seconda delle regioni, viene chiamato in modi diversi (astrice, elefante di mare, grillo de mar, lupo di mare ecc.).
Il corpo dell’astice è ricoperto da una corazza divisa in due parti; una anteriore, il cefalotorace, e una posteriore, il carapace. Il cefalotorace presenta due grandi chele che il crostaceo usa sia per difendersi che per attaccare; posteriormente alle chele vi sono due pinze con le quali l’astice avvicina il cibo alla bocca; un altro paio di pinze permettono all’animale di muoversi. L’astice ha inoltre quattro antenne, due corte e due lunghe, che gli permettono di avere sensazioni tattili. L’astice vive in profondità, in fondali sabbiosi e rocciosi che esplora durante le ore notturne alla ricerca del nutrimento. Nelle ore diurne si nasconde mimetizzandosi fra le rocce o all’interno di grotte.

Ingredienti per 4 persone:

– 2 astici di 600 g
– 1 cipolla
– 2 pomodori
– sale
– pepe
– olio d’oliva
– limone

Procedimento:

Cuocere i 2 astici in acqua bollente e salata per circa 30 minuti, dopo di che scolare e lasciare raffreddare. Togliere la coda dall’astice, estrarre la parte carnosa e tagliarla a rondelle più o meno sottili, usando lo stesso modo per le chele. Disporre la polpa dell’astice in un piatto con i pomodori tagliati a spicchi e la cipolla tagliata a fettine molto fini. Tagliare per la parte più lunga la testa dell’astice, ricavandone all’interno la parte cremosa, mettendola in una scodella. Preparare una salsa limoncella con sale, pepe, limone e olio, aggiungendo la parte cremosa che è stata ottenuta dal capotorace dell’astice e condire il piatto con questa salsa.