Arancini al Salmone

Prosegue il nostro viaggio volto alla (ri)scoperta dei vari tipi di arancino esistenti. Quello che vi proponiamo oggi è un arancino dal sapore delicato e vellutato, decisamente più leggero dell’arancino classico e che non ha nulla a che vedere con l’arancino al burro, stiamo parlando dell’arancino al salmone.

Ingredienti:

Per il rivestimento:
500 g di riso per arancini,
2 uova,
200 g di parmigiano grattugiato,
100 g di burro.

Per il ripieno:
250 g di salmone affumicato,
250 g di panna da cucina,
un grossa noce di burro,
80 g di parmigiano grattugiato.

Per la pastella:
4 dl di acqua
200 g di farina 00.

Per la panatura:
pangrattato molto fine

Per friggere:
olio di arachide (circa un litro).

Preparazione:
Fare sciogliere una noce di burro in un pentolino. Unire a parte, nel frattempo, il salmone affumicato sminuzzato e farlo rosolare per qualche minuto. Unire la panna e fare cuocere per un paio di minuti. Togliere dal fuoco ed unire il parmigiano grattugiato. Successivamente preparare una pastella piuttosto liquida, sbattendo insieme farina ed acqua. Lasciare riposare. Bollire, quindi, il riso in abbondante acqua salata. Scolarlo e condirlo con il burro, un pizzico di pepe e il parmigiano. Amalgamare il tutto e fare intiepidire. Aggiungere le uova sbattute, mescolare e mettere da parte. Mentre il riso si raffredda, aggiustare di sale e di pepe il ripieno. Prendere una parte del riso in mano. Pressare la parte centrale, in modo da ottenere una piccola conca, nella quale va introdotta una cucchiaiata di ripieno. Chiudere il composto con altro riso, dandogli una forma ovoidale. Avere cura di compattare bene il riso, per evitare che il ripieno fuoriesca durante la cottura. Passare l’arancino prima nella pastella e, poi, nel pangrattato, facendolo aderire bene. Versare abbondante olio in una pentola dai bordi alti. Immergere pochi arancini per volta nell’olio ben caldo, girandoli delicatamente, in modo che prendano colore da tutti i lati. Quando avranno assunto un bel colore dorato, estrarli con una schiumarola e metterli ad asciugare su carta assorbente. Servirli caldi.

Tags: