Acarajé

AcarajéAnche questa settimana è arrivato il momento di cedere la parola alla nostra rubrica delle ricette dal mondo. Questa settimana ci spostiamo in Brasile un paese ed un popolo dal sangue caldo che, nonostante la distanza, non è poi tanto diverso da noi. La ricetta che vedremo quest’oggi è quella del Acarajé, un piatto che è quasi sinonimo di città di Salvador, in Bahia. In ogni angolo ben popolata di questa grande città troverete un “Bahiana” – un venditore ambulante vestita nel tipico abito frilly bianco – la vendita di questi dorate fritte snack. Il profumo forte della palma da olio caldo penetra il naso a chilometri di distanza.

Ingredienti per 6 persone

  • 500 grammi fagioli occhio (Feijão Fradinho)
  • 1 media cipolla tagliata a pezzetti
  • 300 ml olio di dendê per friggere. L’ olio di dendê è un olio di colore rosso derivato da una palma tipica del nord-est del Brasile.
  • sale
  • 3 pimenta malagueta (Peperoncini piccanti) Sbriciolati
  • 1/2 tazza gamberi secchi e sbucciati
  • 2 medie cipolle tagliate a pezzetti
  • 1 tazza olio di dendê

Procedimento

Sfregare i grani dei fagioli con le mani per togliere le bucce. Frullare a bassa velocità i fagioli e la cipolla con un minimo d ‘acqua fino ad ottenere una pasta omogenea. Aggiungere il sale. Portare a fuoco medio in una padella con l’olio di dendê e lasciare riscaldare. Friggere la pasta, a cucchiaiate, nell’olio di dendê caldo. Le palline non devono rimanere secche, ma cotte dentro e dorate fuori. Lasciarle asciugare.

Per preparare il ripieno

Nel frullatore mettere il peperoncino e aggiungere la metà dei gamberi. Mettere sul fuoco, in una pentola piccola, la cipolla tagliata, il sale l’olio di dendê e unire il composto ottenuto frullando gamberi e peperoncino. Aggiungere i gamberi secchi interi. Togliere dal fuoco e lasciare raffreddare. Tagliare ogni acarajé (le palline precedentemente fritte) a metá e mettere il composto ottenuto andando a formare dei piccoli panini.