Torta allo Zabaione

Lo zabaione è una preparazione che vanta parecchi secoli di storia. Tuttavia vi sono fonti discordanti riguardo alle sue origini ed al suo nome. Una di queste tradizioni racconta che sia stato “inventato” nel 1500 vicino a Reggio Emilia per una casualità. Si narra che il capitano di ventura Emiliano Giovanni Baglioni arrivò alle porte della città e si accampò. A corto di viveri mandò, com’era uso a quel tempo, alcuni soldati a razziare i campi dei contadini della zona. Il raccolto, però, fruttò ben poco e il Capitano Baglioni si ritrovò con uova, zucchero, qualche fiasca di vino e delle erbe aromatiche. In mancanza d’altro fece mescolare il tutto e lo diede ai soldati al posto della solita zuppa e questi ne furono entusiasti. Giovanni Baglione era popolarmente chiamato ‘Zvàn Bajòun’ e la crema ne prese il nome diventando prima ‘Zambajoun’, poi Zabajone e infine Zabaglione.

Quali che siano le sue origini è fuori di dubbio che, questo alimento, abbia una storia lunga a dimostrazione che non solo piace ma si tramanda di generazione in generazione ma non solo è buono ma è  sa essere anche flessibile e può essere utilizzato per la preparazione di dolci più complessi come ad esempio quello che stiamo per proporvi.

Ingredienti per 6 persone:

– 1 pan di Spagna rotondo da 500 g,
– 150 g di pasta sfoglia,
– 1 uovo,
– 50 g di zucchero,
– 40 g di zucchero a velo,
– 60 g di mandorle pelate,
– 50 g di panna montata,
– 20 g di confettini argentati.

Per la crema zabaione:

– 100 g di zucchero,
– 1 cucchiaio di farina,
– 1,2 dl di vino bianco secco,
– 1,2 dl di marsala,
– 2 tuorli,
– 400 g di panna da montare.

Procedimento:

Stendete la pasta sfoglia della identica forma e dimensione del pan di Spagna, spennellatela con l’uovo sbattuto e spolverizzate con lo zucchero. Fatela cuocere per 20 minuti in forno a 180 °C fino a quando diventa dorata, quindi sistematela sul piatto di portata. Preparate la crema: montate i tuorli con lo zucchero fin quando diventano spumosi e gonfi, incorporate la farina setacciata, quindi versate delicatamente il vino bianco e il marsala. Fate cuocere la crema lentamente a bagnomaria fino a quando si addensa, lasciatela raffreddare completamente e incorporatevi la panna montata. Prelevatene 4 cucchiai e teneteli da parte. Spalmate metà della crema sulla pasta sfoglia; dividete in due dischi il pan di Spagna, adagiate il primo sulla pasta sfoglia, e spalmatelo con la seconda metà della crema. Chiudete con il secondo disco, spalmate il bordo della torta con la crema tenuta da parte e fatevi aderire le mandorle tritate. Spolverizzate con lo zucchero a velo, guarnite con piccoli ciuffi di panna montata e i confettini e servite.