Tamayya

Tamayya

Il Tamayya è il caratteristico secondo piatto che abbiamo scelto per proseguire il nostro consueto appuntamento settimanale con la nostra rubrica la cucina dal mondo, volta a scoprire i piatti migliori delle varie culture gastronomiche.


Il Tamayya è uno squisito secondo piatto appartenente alla cultura e tradizione gastronomica sudanese. Gli ingredienti di questo particolare primo piatto, sono tutti di uso comune anche nelle nostre cucine e questo fa sì che questo caratteristico secondo piatto possa essere realizzato senza troppi problemi anche alle nostre latitudini. Scopriamo cosa serve e cosa fare per poter preparare alla perfezione il nostro squisito Tamayya.

Ingredienti per 8 persone:

– 2 tazze di fave essiccate (fool madshoosh)
– 1/4 di tazza di aneto tritato
– 1/4 di tazza di coriandolo tritato
– ½ tazza di prezzemolo tritato
– 1 tazza di porri tritati
– ½ tazza di cipolla tritata (1 cipolla piccola)
– 2 cucchiai di aglio tritato
– 1 e ½ -2 cucchiaini di sale
– pepe q.b.
– 1 cucchiaino di polvere di coriandolo
– peperoncino q.b.
– semi di sesamo
– olio

Procedimento:

Risciacquate le fave in una terrina ampia con abbondante acqua varie volte, finché l’acqua è completamente pulita. Poi coprite le fave con acqua, chiudete la terrina e lasciate a bagno il tutto per 2 o 3 giorni. Lavate e asciugate le erbe. Togliete le parti dure dei gambi e tritate le foglie e i gambi teneri. Lavate i porri e tritateli tutti, anche il gambo verde. Scolate le fave e macinatele molto fini. Poi mettetele in una terrina e tenetele da parte. Frullate anche le erbe, le cipolle e l’aglio in modo da amal-gamarli bene. Aggiungete le fave e frullate finché il composto non diventa verde. Mettete il composto in una terrina, aggiungete le spezie e un pizzico di bicarbonato e mescolate bene. Coprite la terrina e lasciate riposare per almeno 30 minuti, meglio 1 ora. Scaldate una padella di media grandezza, poi aggiungete l’olio e quando è ben caldo abbassate il fuoco lentamente. Per fare le polpette, prendete un cucchiaio largo da minestra, riempitelo di impasto e premetelo. Cospargete di semi di sesamo e poi spingetelo fuori dal cucchiaio direttamente nell’olio caldo. Friggete per 2-3 minuti o comunque finché diventa scuro, poi girate la polpetta e friggetela per altri 2-3 minuti. Togliete le polpette dall’olio e mettetela su della carta per togliere bene l’olio.