Lagane e ceci pugliesi

Il cece è una pianta erbacea della famiglia delle Fabaceae. I semi di questa pianta sono i ceci, legumi ampiamente usati nell’alimentazione umana che rappresentano un’ottima fonte proteica. Il cece coltivato deriva da forme selvatiche del genere Cicer, probabilmente da Cicer reticulatum. Le specie selvatiche si sono originate probabilmente in Turchia, mentre le prime testimonianze archeologiche della coltivazione del cece risalgono all’età del bronzo e sono state rinvenute in Iraq; i ceci si diffusero in tutto il mondo antico: antico Egitto, Grecia antica, Impero romano.

Ingredienti per 4 persone:

– 300 G Ceci
– 1 Cipolla
– 1 Foglia Alloro
– Peperoncino
– 5 Cucchiai Olio D’oliva
– Sale

Per La Pasta:

– 250 G Farina Di Grano Duro
– Acqua

Procedimento:

Mettere a bagno i ceci il giorno prima quindi lessarli in 200 cl di acqua con l’alloro e unendo il sale a fine cottura. Con acqua e farina preparare una sfoglia né sottile né spessa. Arrotolarla su se stessa prima che asciughi, quindi ritagliarne laganelle (trie) di circa 3-4 mm di larghezza. Farle asciugare. Lessare al dente le trie in abbondante acqua salata, scolarle e unirle ai ceci. Condire con un soffritto di olio, peperoncino e cipolla affettata sottilmente preparato contemporaneamente alla cottura delle trie.