Gnocchetti al formaggio e spinaci

Gnocchetti al formaggio e spinaciEsistono diversi tipi di gnocchi che possiamo suddividere in colorati, realizzati con l’impiego di ingredienti particolari che ne determinavano la differente colorazione: ad esempio vi erano gli zanzarelli verdi, impastati con bietola e spinaci che sono molto tipici, e gli zanzarelli gialli, realizzati con l’aggiunta di zucca o di zafferano. C’erano poi malfatti bianchi, impastati con carne di pollo tritata, ed arancioni, quando venivano preparati con carote.

A partire dal 1880 si diffusero a macchia d’olio gli gnocchi di patate. Solitamente viene condita con sugo di carne o all’amatriciana. La storia degli gnocchi di patate ha inizio quando vennero importate in Europa le prime patate provenienti dal continente americano. Gli altri tipi di gnocchi comparvero dapprima nei banchetti rinascimentali della Lombardia; venivano impastati con mollica di pane, latte e mandorle tritate e venivano chiamati zanzarelli. Nel Seicento invece subirono un lieve cambiamento nel nome e nella preparazione. Venivano chiamati malfatti e invece delle mandorle e del pane veniva aggiunta farina, acqua e uova.

Ingredienti per 4 persone:

  • 450 g di spinaci tritati,
  • 300 g di formaggio cremoso,
  • 2 uova,
  • 2 cucchiai di formaggio parmigiano grattugiato,
  • 2 cucchiai di farina,
  • 70 g di burro,
  • sale.

Procedimento:

Lessare gli spinaci, farli insaporire in una padella con una noce di burro, metterli in una terrina, incorporarvi il formaggio, il parmigiano, le uova, la farina, far amalgamare e lasciar riposare il composto per circa 1 ora. Formare degli gnocchetti, cuocerli in acqua bollente salata, scolarli, condirli con il burro fuso ed il parmigiano e servire.