|⇨ Crema di cavolfiore con le cozze

I cavoli appartengono alla famiglia delle crocifere, (il nome deriva dalle quattro foglie a forma di croce) varietà Brassica. La parte commestibile di queste piante è rappresentata dalle foglie (cavolo cappuccio, verza, cinese, cavolini di Bruxelles) o le infiorescenze ancora immature (broccoli, broccoletti, cavolfiore).


Il cavolfiore contiene una grande quantità di vitamine: protovitamina e vitamina A, vitamine B1, B2, B9 (acido folico), PP, C, ( a parità di peso il cavolo rapa ne contiene più delle arance), K, U.

Secondo le ultime ricerche, chi consuma molti cibi ricchi di vitamina C, vitamina E e carotene, è molto meno esposto a malattie cardiovascolari, ictus e cataratta. Gran parte delle piante crocifere sono ricche di potassio che ha un ruolo importante nella regolazione della pressione arteriosa. L’aspetto più importante dei cavoli e dei broccoli è rappresentato dal fatto che, sempre stando alle ultime ricerche mediche, un regolare consumo di questi vegetali, può dimezzare il rischio di sviluppare vari tipi di tumore in particolare dei polmoni e del colon. Uno studio condotto presso l’univerità della California di Santa Barbara ci rivela cosa accade a livello cellulare; broccoli, cavoli, ravanelli, contengono alcuni composti chimici, chiamati isotiocianati, che danno inizio ad un meccanismo che è in grado di bloccare il diffondersi e la proliferazione delle cellule tumorali.

Altre ricerche condotte in Giappone hanno dimostrato che gli isotiocianati presenti in cavoli e broccoli sono anche in grado di bloccare i melanomi.

Oltre alle proprietà antitumorali, i broccoli giovano anche alla salute del cuore; questo quello che risulta da studi effettuati su topi all’università del Connecticut.

Per concludere, possiamo affermare che introdurre i broccoli ed i cavoli nella nostra dieta abituale potrebbe rivelarsi molto utile contro l’insorgenza di tumori al colon, al pancreas, all’utero, alla gola, ai polmoni, all’esofago, e allo stomaco, questo stando alle dichiarazione degli scienziati del World Cancer Research Found.

Ingredienti per 4 persone:

– 1 Cavolfiore Piccolo
– 1000 G Cozze
– 1 Scalogno
– 30 G Burro
– 1/2 Bicchiere Panna
– 1 Limone
– Prezzemolo
– Sale
– Pepe

Procedimento:

Pulite il cavolfiore, separate le cimette, lavatele, sgocciolatele. Pulite bene le cozze. Mondate lo scalogno, tagliatelo a fettine sottili, fatelo appassire nel burro per 5 minuti. Aggiungete il succo del limone, il prezzemolo tritato e poi le cozze. Lasciatele aprire a fuoco basso, mescolando di tanto in tanto. Quando le valve sono ben dischiuse staccate i molluschi e teneteli al caldo. Passate il sugo di cottura al setaccio. Versatelo in un litro d’acqua calda, portate a bollore, immergetevi le cimette di cavolfiore e cuocete 15 minuti. Spegnete e frullate fino a ottenere un soffice purè. Aggiungete al composto la panna, le cozze sgusciate, salate e pepate. Scaldate per 5 minuti e servite con crostini di pane fritti.