Bliny

I bliny sono delle focaccine a base di farina e lievito, di forma circolare e del diametro di 10-15 centimetri. Sono tipiche della cucina russa e simili alle crêpes, ma con la differenza che rispetto a quest’ultime, necessitano di lievitazione.

Si servono tradizionalmente con panna acida per accompagnare il caviale o il salmone affumicato o le uova di salmone. Sul bliny caldo si puo’ mettere una cucchiaiata di smetana, poi il salmone o il caviale, infine si arrotola. Possono essere mangiati anche con la confettura, o marmellata, (Варенье) o con la ricotta. Esiste anche la versione salata (l’impasto viene preparato con grano saraceno), preferibilmente accompagnata da caviale o aringhe con panna.

Ingredienti per 4 persone:

3 Uova
3 Bicchieri Acqua Calda
1/2 Cucchiaino Sale
1/2 Cucchiaino Bicarbonato
1 Cucchiaio Zucchero
500 G Farina
1/2 Cucchiaino Aceto Di Vino Diluito In Acqua

Procedimento:

Premetto che se avete un mixer la cosa risulterà veloce e facilissima, altrimenti avrete bisogno di fruste elettriche o manuali. Mescolare le uova con tre bicchieri di acqua calda, aggiungere 1/2 cucchiaino di sale, un cucchiaio di zucchero e 1/2 cucchiaino di bicarbonato. Aggiungere 500 g di farina, mescolare bene fino ad ottenere una pasta senza grumi. Diluire mezzo cucchiaino di aceto in un bicchiere d’acqua, versarlo nella pasta e cominciare subito a cuocere i blini in olio o burro caldo in una padella piccola o media a seconda delle dimensioni che volete ottenere. Si dovrebbero servire caldi, quindi se li preparate in anticipo basterà sistemarli uno sopra l’altro in un piatto, coprire con un tovagliolo e sistemarli nel forno moderatamente riscaldato. Poi si possono veramente condire a piacere. La povertà e la semplicità degli ingredienti ne fanno uno di quei piatti d’emergenza che a volte possono risolvere un pasto.