I Cannoli Siciliani

I cannoli di Sicilia sono con ogni probabilità il più famoso è tipico prodotto dell’arte dolciaria siciliana: un vero peccato di gola per i buongustai che non possono resistere alla tentazione di provarlo.

Il cannolo è un dolce costituito da un involucro cilindrico di pasta fritta, farcito con un impasto di ricotta, zucchero e frutta candita a piacere. È una tipica specialità siciliana, l’antica ricetta della quale è uscita dalla clausura di un convento palermitano, come molti dei dolci fatti in questa splendida regione.

Il nome proviene dal volgare latino dell’arbusto “canna”, con fusto cilindrico vuoto, il quale anticamente serviva per vari usi ordinari. Uno scherzo, come si suol dire, da preti, nato in un dimenticato monastero e successivamente propagato dalla pasticceria palermitana: un motteggio carnevalesco del tempo faceva uscire da un rubinetto (cannolo in siciliano, il termine molto antico e riscontrato in documenti che attestano il significato della parola canna, la quale serviva da cannella per abbeveratoi e fontane) crema di ricotta invece dell’acqua. Insomma il nome è tutto dire.
Ma vediamo insieme passo passo come riuscire a preparare i cannoli a casa nostra senza troppa fatica:

Ingredienti Per Le Scorze:

200 gr di farina
20 gr di strutto
20 gr di zucchero
45 gr di marsala

Ingredienti Per Il Ripieno:

500 gr di ricotta
250 gr di zucchero vanigliato
decorazione per le estremità (vedi N.B.)

Preparazione:

Impastare in modo omogeneo gli ingredienti e lasciar riposare l’impasto in frigo per due ore. Quindi stendere l’impasto e tagliare dei quadrati da 10 cm di lato, avvolgeteli intorno a degli appositi cilindri e friggerli nell’olio bollente. Per il ripieno lavorate in una terrina la ricotta con lo zucchero. Quando sarà ben cremosa aggiungete i canditi e il cioccolato a pezzettini. Riempite ogni cannolo col composto, guarnite con mandorle tritate e zucchero a velo.

Consigli utili:

Il cannolo siciliano deve essere farcito all’ultimo momento, appena prima di gustarlo per evitare che la pasta perda la caratteristica croccantezza. Se non volete fare le cialde potete comprare quelle già pronte che si trovano nei supermercati, in questo caso prima di riempirle dovrete scaldarle nel forno per farle rinvenire, saprete che sono pronte non appena sentirete il profumo inconfondibile della cialda che si spande per la cucina. Potete utilizzare il metodo che ho appena descritto anche per far rinvenire le cialde che avete preparato voi se fatte il giorno prima.

N.B. Come ho già detto i cannoli sono una specialità siciliana, quello che pochi sanno è che a seconda della provincia siciliana che si visita, il cannolo vine presentato con una decorazione leggermente diversa ecco perché a Palermo useranno la frutta candita, a Catania la granella di pistacchi di Bronte a Messina una granella di noci e mandorle. Noi vi consigliamo di provarli tutti e di far scegliere al vostro palato quello che preferite.

Curiosità:

Tutti credono che esista solo il cannolo alla ricotta, che in effetti è stato il primo ed è per questo che è considerato quello classico, ma negli anni la pasticceria siciliana ha fatto varie prove e combinazioni ed oggi ci sono altri due gusti che sull’isola sono considerati al pari di quello classico e sono il Cannolo Alla Gianduia ed il Cannolo alla Crema Pasticcera, ma girando per l’isola potreste imbattervi in altri gusti altrettanto buoni ed interessanti.

Tags: