Cavatelli con pomodori e rucola

I cavatelli (“cavatiell” in dialetto molisano) è un tipo di pasta tradizionale molisana, successivamente acquisita da parti della Puglia e successivamente un po’ in tutto il sud Italia. È una pasta lavorata a mano ricavata con un impasto di farina e acqua (a volte anche con patate) ed ha una forma allungata con una incavatura all’interno.

Ingredienti:

400 g di pasta tipo cavatelli,
300 g di rucola,
10 pomodorini ciliegia maturi,
2 spicchi di aglio,
10 olive nere,
1/2 peperoncino,
50 g di ricotta stagionata,
olio extravergine di oliva,
sale q.b.

Procedimento:

Mondate, lavate e asciugate accuratamente la rucola sotto l’acqua corrente, tenendo soltanto le foglie e i germogli più teneri. Lessatela in abbondante acqua salata per circa 2 minuti, scolatela con il mestolo forato, fatela intiepidire e strizzatela bene per togliere l’eccesso di acqua. Tenete l’acqua di cottura ancora sul fuoco. Lavate e mondate i pomodorini, tagliateli a quarti e metteteli in uno scolapasta cosparsi di sale in modo che perdano l’acqua di vegetazione. Nel frattempo sbucciate l’aglio e tritatelo grossolanamente insieme alle olive snocciolate. Scaldate 4 cucchiai di olio in una casseruola, unite il trito di aglio e olive, i pomodorini e il peperoncino, mescolate e fate insaporire su fuoco moderato per circa 5 minuti. Aggiungete la rucola, regolate di sale, mescolate e spegnete la fiamma. Lessate i cavatelli nell’acqua di cottura della rucola, scolatele al dente e conditele nel sugo preparato. Servite la pasta nei piatti individuali condite con la ricotta grattugiata, un filo di olio crudo e, a piacere, un po’ di pangrattato.

Tags: