Bucce di arance candite al cioccolato

Le bucce di arance candite, in siciliano “scorcia r’aranci ‘ncilippati”, rappresentano l’incoronazione dei dolci più famosi della pasticceria siciliana. Esempi più comuni sono la cassata siciliana e il cannolo, simboli internazionali per la nostra terra. In questi dolci infatti il tocco di raffinatezza finale della buccia d’arancia candita completa la loro coreografia.

Nella ricetta che vi proponiamo invece diviene la sola protagonista se la gustiamo soltanto dopo averla candita. Poi, il connubio fra buccia d’arancia e cioccolato da vita  ad una deliziosa leccornia, che riesce a dare la giusta dimensione al frutto figlio della calda terra di Sicilia.

Ingredienti
Arance non trattate
Zucchero semolato
acqua
cioccolato fondente

Procedimento
Sbucciare le arance tagliando la parte del picciolo e quella inferiore cercando di incidere il meno possibile la parte bianca. Tagliarle a strisce, in senso verticale e poi ricavare altre strisce larghe circa un centimetro e comunque non troppo strette. Metterle in acqua per tre giorni, avendo cura di cambiare frequentemente l’acqua.

Sgocciolarle, asciugarle bene e pesarle.
Mettere sul fuoco un tegame con lo zucchero (di egual peso di quello  delle bucce d’arancia sgocciolate e asciugate) e poca acqua necessaria (deve ricoprire lo zucchero) per fare lo sciroppo. Appena lo zucchero sarà completamente sciolto unire le bucce e farle cuocere nello sciroppo, a fiamma moderata, fin quando avranno assorbito tutto lo zucchero e facendo molta attenzione a non farle caramellare. Toglierle dal tegame, adagiarle su carta da forno e farle ben asciugare.
Mettere un pentolino a bagnomaria (o nel forno a microonde) con il cioccolato fondente e farlo sciogliere e , aiutandovi con una pinza da cucina, intingere le bucce d’arancia candite nel cioccolato. Adagiarle su carta da forno dopo averle fatte ben sgocciolare e metterle a riposare fin quando il coccolato sarà indurito.
Una volta ben asciutte si possono conservare in barattoli di vetro ben chiusi.

Tags: