Petrafennula

La petrafennula (o pietrafendola, petrafernula) è un tipico dolce siciliano, diffuso in tutta l’isola, e consumato per la festa dell’Immacolata e nel periodo natalizio.Di origine araba , viene preparato con miele, mandorle, bucce di cedro e arance, confetti e cannella, ed è una sorta di torrone estremamente duro. Con l’espressione Fàrisi petrafènnula (“diventare petrafennula”) si intende infatti “irrigidirsi in un proponimento o rendersi inamovibile da un luogo.Si tratta di scorza di cedro grattugiata e cotta nel miele. E’ una specialità della zona di Modica ed è forse il dolce più duro che esista, molto difficile da sgranocchiare e più semplice da tagliare a pezzetti e tenere in bocca proprio come una caramella.

La sua durezza ha generato il modo di dire “Fàrisi petrafènnula”, ossia di una persona ferma nei suoi propositi. Sfinci: Delle frittelle di antichissima tradizione, tipiche della Sicilia occidentale. Si fanno con farina, patate lesse schiacciate, lievito, sale e degli indispensabili semi di finocchio. Una volta ridotta in ciambelle, la pasta viene fritta in olio: le frittelle vanno mangiate calde, dopo averle spolverate con lo zucchero a velo.

Ingredienti:

800 g di miele,
200 g di mandorle,
500 g di scorze di arancia.

Procedimento:

Versate in una pentola il miele, unite le scorze di arance tagliate a pezzetti e fate bollire lentamente, finché solidifica; versate le mandorle tritate e continuate per un paio di minuti. Versate su di un piano, lasciate raffreddare e tagliate a pezzi.

Tags:  

Lascia una risposta

Testo prima del form

È possibile utilizzare questi tag HTML e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*