Focaccia arrotolata

La “Sfigghiulata” o “Nfigghiulata” fa parte delle più antiche ricette tipiche della cucina siciliana. Di questa ricetta, come per molte di quelle che vi abbiamo  già presentato, esistono diverse versioni. La prima viene preparata nella Sicilia occidentale mentre la seconda è una specialità della parte orientale. La diversità  sta soltanto negli ingredienti perché sostanzialmente il procedimento è lo stesso, ovvero in tutte e due viene usato il procedimento dell’”agnutticamientu” (l’avvolgimento della pasta farcita su se stessa). Questa tecnica permette di poter condire questa semplice e stuzzicante pietanza con i condimenti più graditi. Tuttavia la tradizione prevede degli ingredienti tipici, come ad esempio, ricotta o tuma con salsiccia o salame, oppure con pecorino fresco, caciotta, acciughe o sarde salate, e ancora salame fatto in casa e finocchio ‘ngranato (semi di  finocchietto selvatico). In sostanza vi potete sbizzarrire come meglio gradite, anche nella  versione dolce aggiungendo zucchero direttamente nell’impasto  aromatizzando il tutto, ad esempio la ricotta, con polvere di cannella.
La preparazione della “sfigghiulata”, come dicevamo, risale a tempi molto antichi, quando per la famiglia si panificava per una intera settimana. In  quest’occasione si allestiva questa focaccia con lo stesso impasto che veniva usato per il pane, per contentare i figli più piccoli, da qui il suo nome.
Per la ricetta che vi proponiamo, noi abbiamo usato primo sale, cubetti di pancetta e pomodori il tutto spolverato con caciocavallo.

Ingredienti  per l’impasto:

500 gr. di farina di grano duro
25 gr. di lievito di birra
5 gr. di malto (per panificazione)
Due cucchiaini di zucchero semolato
Mezzo cucchiaino da caffè di sale
50 gr. di strutto
250 gr. di acqua tiepida
Olio extravergine d’oliva

Ingredienti per la farcitura:

300 grammi di primo sale o tuma
100 grammi di pancetta affumicata tagliata a cubetti
3 pomodori pelati tagliati a dadini
Caciocavallo semi stagionato grattugiato q.b. (in mancanza va bene anche il parmigiano)

Procedimento:

Far rosolare la pancetta per qualche minuto e amalgamarla poi con i pomodori. Tagliare a listarelle non troppo sottili il primo sale e mettere da parte il tutto. Mettere in un contenitore il lievito con lo zucchero e 200 grammi di acqua tiepida. Mentre il lievito si attiva (per una decina di minuti) setacciare la farina e amalgamarla con lo strutto, il sale e il malto (se avete la possibilità usate una planetaria), quindi unire il lievito e lavorare l’impasto. Aggiungere gradatamente la rimanente acqua tiepida e continuare a lavorare fino ad ottenere un impasto morbido e omogeneo. Lasciare lievitare in luogo tiepido per due ore in una ciotola infarinata.

Stendere la pasta su di una teglia (foderarla con carta da forno oliata) ad uno spessore di circa 3 – 4 mm. Spolverare la superficie con il formaggio grattugiato, quindi disporvi il condimento già preparato. Arrotolare la sfoglia con la farcitura in modo da formare un grosso salame, avendo cura di sigillare bene i bordi (magari aiutandovi con l’albume d’uovo in modo che faccia da collante). Compattare bene la focaccia arrotolata, aiutandovi con la carta da forno e fare in modo che la parte orizzontale e le estremità sigillate siano poste dalla parte inferiore, ovvero a contatto con la teglia. Oliare la superficie della ‘sfigghiulata’ e mettere in forno, preriscaldato a 220°, per circa 45 minuti. Quando sarà ben dorata, togliere dal forno e sigillare la teglia con un foglio di alluminio, lasciare intiepidire per circa venti minuti (così la ‘sfigghiulata’ risulterà più morbida). Servire infine tagliata a fette.

Tags:  ,

Lascia una risposta

Testo prima del form

È possibile utilizzare questi tag HTML e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*