Chiacchiere al forno

Si cominciò a denominare grasso il giovedì ed il martedì prima delle Ceneri, in relazione ai sontuosi banchetti che venivano organizzati ovunque per l’occasione. Grassi in abbondanza e grande varietà di dolci, prevalentemente fritti, prima delle costrizioni quaresimali. Nati nelle antiche cucine popolari, a base di ingredienti semplici come uova, farina, e zucchero, i dolci di carnevale si sono tramandati nei secoli, assumendo nomi diversi per ogni regione, arricchiti spesso e volentieri con miele e cioccolata ed altro ancora.

Nelle varie regioni d’Italia prendono svariati nomi: grostoli, sfrappole, galani, frappe, bugie, cenci, stracci, frappe, crostoli, rosacatarre, zonzelle, pampuglie, lattughe, lasagne. Sono i più classici dolci di carnevale fatti di sfoglia sottile fritta e spolverata di zucchero (le antiche frictilia dei Romani che venivano fritte nel grasso di maiale).

Chiacchiere (Campania, Lombardia), bugie (Piemonte, Liguria), lattughe di carnevale, crostoli, galani (Veneto), sfrappole (Emilia Romagna), frappe (Marche), cenci (Toscana).  A volte l’unico ingrediente che varia è il liquore utilizzato per aromatizzarle.

Ingredienti:

• 500 g di farina
• 50 g di zucchero
• Zucchero a velo
• 3 uova intere
• 1/2 bicchiere di grappa
• Aroma di limone (o vaniglia)
• 1 bustina di lievito
• 1 uovo sbattuto con poco latte
• 40 g di olio d’oliva (o 50 g di burro fuso)

Procedimento:

Formare la fontana con la farina, disporvi gli ingredienti ed impastare come la pasta all’uovo. Stendere la pasta con la macchina allo spessore di 2 mm, formare le chiacchiere con la rotella o con gli stampini dei biscotti, pennellare con uovo e latte, cuocere in forno a 210 gradi per circa 10-12 minuti. Far raffreddare e cospargere con zucchero a velo.

Tags:  

Lascia una risposta

Testo prima del form

È possibile utilizzare questi tag HTML e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*